CRIF diventa la prima Open Banking AISP ad essere registrata in 21 paesi europei

CRIF diventa la prima Open Banking AISP ad essere registrata in 21 paesi europei grazie all’acquisizione di Credit Data Research Realtime Holding Ltd.

CRIF diventa la prima Open Banking AISP ad essere registrata in 21 paesi europei grazie all’acquisizione di Credit Data Research Realtime Holding Ltd.

Un passo avanti verso l’innovazione Fintech: CRIF completa le sue attuali competenze attraverso la licenza open banking di CDR Realtime Holding.

CRIF ha annunciato oggi l’acquisizione, attraverso la propria società CRIF Buergel, di Credit Data Research Realtime Holdings Ltd.

Questa società britannica è stata fra le prime imprese in Europa ad essere riconosciuta dalla Financial Conduct Authority come Account Information Service Provider (AISP) in qualità di fornitore di credit scoring. Questa operazione è un importante passo nello sviluppo strategico di CRIF, diventando il primo operatore nel settore delle informazioni creditizie ad essere registrato come AISP in 21 paesi europei.

La società è stata rinominata CRIF Real Time Ltd. e Enrico Lodi, General Manager in CRIF, è stato nominato CEO.

Grazie all’acquisizione, CRIF può ora offrire servizi di Open Banking in grado di realizzare lo scambio dei dati relativi ai pagamenti del retail fra consumatori/aziende e organizzazioni e migliorare la trasparenza nei rapporti con business partners e clienti.

Come aziende europea registrata in UK, CRIF è ora la prima imprese nel panorama europeo autorizzata ad offrire una nuova suite di servizi che aiutano i clienti e le imprese a beneficiare dell’Open Banking, con le licenze PSD2 emesso in Germania, Francia, Italia, Austria, Repubblica Ceca e altri paesi europei.

Un AISP è una istituzione di pagamento che, facendo riferimento al Payment Services Directive (PSD2), ha accesso ai conti bancari di diversi istituti di credito (e di altri fornitori nel mondo dei pagamenti), con il consenso del titolare del conto stesso. In questo modo, può accedere ai dati di pagamento e aggregarli in modo da offrire valore aggiunto ai titolari del conto, come la valutazione della solidità, la gestione finanziaria e offerte personalizzate.

Lo scopo dell’Open Banking è quello di fornire alle organizzazioni presenti nel network delle istituzioni finanziarie dati e supporto agli utenti finali per il miglioramento della loro situazione finanziarie anche sotto il profilo della formazione, aiutandole ad accedere al credito, anche in presenza di una storia creditizia limitata. Questo processo è un elemento chiave nella valutazione della solidità finanziaria dei privati o delle piccole imprese.

In modo più specifico, condividendo le proprie informazioni relative alle proprie relazioni bancarie con i fornitori di servizi finanziari, i consumatori riceveranno i prodotti più adatti per i propri bisogni, come pure servizi migliorati. D’altro canto, le imprese e le istituzioni finanziarie possono accedere a migliori condizioni che assicurano il processo relativo ai prestiti. Le organizzazioni internazionali possono ora contare su una nuova suite di prodotti che consentono di costruire un ecosistema sia a livello nazionale ragionale, facendo leva sulle capacità di CRIF di operare nei vari clienti.

Tramite l’acquisizione di Credit Data Research Realtime Holdings Ltd., CRIF sarà in grado di aggiungere al proprio credit bureau e alle soluzioni per i consumatori, imprese (assicurazioni, utilities, telco, ecommerce) e istituzioni finanziarie, un complesso di soluzioni più ampio di Open Banking che i maggiori operatori europei hanno già iniziato ad offrire. CRIF sta ora sviluppando AISP in 21 paesi attraverso le proprie imprese, come pure in UK grazie a Real Time Ltd., Credit Data Research Real Time France in France e Credit Data Research in Spain.

“Siamo orgogliosi di annunciare che ora CRIF è in grado di aiutare le istituzioni finanziarie Europee, come pure le aziende al di fuori del settore finanziario e di fornire ai clienti nuove modalità relative ai servizi di pagamento grazie al miglioramento della protezione e della sicurezza. Grazie alla licenza AISP per 21 paesi e per UK, CRIF integra la propria piattaforma innovativa disegnata per creare un vero ecosistema, un nuovo tipo di servizio che mette nelle condizioni gli operatori e i clienti di ottenere il migliore valore”, afferma Carlo Gherardi, CRIF Chairman.

“Fornire soluzioni di Open Banking a livello mondiale richiede eccellenza sotto il profilo delle partnership, della tecnologia e dell’innovazione. Siamo sicuri che con CRIF saremo in grado di fornire nuove energie positive nel mondo bancario e i propri clienti in un mercato finanziario sempre più ampio, dice Alessio Balduini, Presidente di Credit Data Research.

Come parte della strategia, CRIF ha una partecipazione di minoranza in companies Credit Data Research Ltd. e Credit Data Research Italia. Questa transazione permetterà a CRIF di sviluppare ulteriormente le proprie attività grazie alla consolidata esperienza di CDR Italia nel segmento delle SME, come pure creare importanti sinergie con CRIBIS, la società del gruppo specializzata nella business information.

Fondata nel 2013. CDR Italia supporta le imprese nel prendere le migliori decisioni business grazie a diversificati e sofisticati strumenti di analisi finanziaria. CDR Italia offre un considerevole contributo per il miglioramento della competitività e solidità delle imprese. Nello stesso tempo, l’esperienza acquista con le banche e il constante supporto dato alle imprese ha aiutato a posizionare CDR Italia come il partner di riferimento capace di promuovere e migliorare la trasparenza e il dialogo all’interno del settore bancario. In particolare, CDR Italia facilita l’accesso al credito attraverso una più efficiente presentazione dei dati finanziari, incluso un innovativo strandardizzato business plan in linea con i IFRS9 e le richieste delle SME.

Credit Data Research Ltd.

Credit Data Research fornisce strumenti innovativi per le SME che desiderano migliorare il loro accesso alle fonti di finanziamento e migliorare la trasparenza nel corso delle relazioni con business partners e clienti insieme a facilitare la loro entrata nella gestione dei mercati esteri. Credit Data Research è stata nominata come leader nello sviluppo di Credit Solutions per Open Banking da Nesta Global Innovation Foundation. Credit Data Research ha sviluppato Credit Passport, la prima piattaforma per il Credit Scoring nelle SME in linea da quanto previsto dalla regolamentazione bancaria.

Specificatamente, Credit Data Research Italia opera in Italia con nove filiali, supportando le imprese nel prendere le migliori decisioni di business e offrendo strumenti di analisi per le procedure relative ai prestiti sia di tipo ordinario che straordinario.

www.creditdataresearch.com